“Se il deficit sarà scaricato sulle future generazioni? Questi sono vostri punti di vista”. Poca voglia di parlare ai cronisti per il presidente dell’Associazione Rousseau, Davide Casaleggio, a Roma per due convegni su democrazia diretta e lavoro, che ha tagliato corto di fronte alle domande dopo l’intesa raggiunta sulla manovra dal governo con la scelta del deficit al 2,4% del Pil, le resistenze piegate del ministro Giovanni Tria e le prime reazioni tutt’altro che positive dei mercati, con lo spread che viaggia verso 280 punti dopo metà giornata. “La manovra? Sono contento”, si è limitato a dire Casaleggio, prima di fuggire scortato dal suo staff.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Ministero convoca il sindaco di Genova sbagliato e Di Maio scherza con quello giusto: “Io so come si chiama”

next
Articolo Successivo

Pd, Emiliano: “Cambi e smetta di difendere le lobby e i poteri forti. Manovra del governo? È di sinistra”

next