A bordo della Aquarius 2 ci sono 58 persone “soccorse tra giovedì e sabato. In questo momento le condizioni meteo stanno peggiorando e nelle prossime ore aspettiamo mare con onde fino a cinque metri, quindi diventa per noi molto importante, fondamentale, riuscire a trovare un porto per sbarcare in sicurezza tutte queste persone”. A dirlo è uno dei soccorritori di Sos Méditerranée, Alessandro Porro, che ha lanciato una sorta di appello proprio mentre la nave ha ripreso la navigazione verso nord e ha chiesto la la possibilità di attraccare a Marsiglia pur trovandosi ancora a diversi giorni di navigazione dalla città francese.
Per ora il governo transalpino, per bocca del ministro dell’Economia, Bruno Le Maire, ha fatto sapere che “la Francia dice no”. Nessun appoggio da Parigi, dunque, ma nemmeno dall’Europa. “La situazione legale dell’Aquarius 2 è questa: è una nave senza bandiera europea, e ha operato in un’area di ricerca e salvataggio libica”, perciò “non impegna la responsabilità europea. Nessuno Stato membro si è fatto avanti” per aiutare. È quanto ha dichiarato Natasha Bertaud, portavoce della Commissione europea, a cui è stato chiesto se la Commissione Ue abbia un ruolo di coordinamento sulla vicenda della nave.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, ragazza violentata da un tassista abusivo. Doveva accompagnarla a casa dopo la discoteca

next
Articolo Successivo

Roma, le cause sulle buche fanno ricchi gli avvocati (sempre gli stessi). Comune cambia le regole: ma interviene l’Anac

next