Marina Abramovic è stata aggredita, questa mattina poco prima di mezzogiorno, mentre usciva da Palazzo Strozzi a Firenze che da venerdì scorso ospita una mostra dell’artista serba per festeggiare i 50 anni di carriera. Un uomo ha tirato una tela, di sua composizione, in testa alla celebre performer, 71 anni, che in questi giorni si trova nel capoluogo toscano per una serie di eventi collegati all’esposizione.

Abramovic, che sta bene, è stata trovata sotto choc nel bar che si trova nel cortile di palazzo Strozzi. L’aggressore è stato poco dopo fermato dalla polizia. Si tratta di un uomo di origine Ceca e da tempo residente a Firenze, sedicente artista già protagonista di episodi simili. Nel gennaio scorso in Piazza della Signoria l’uomo imbrattò una statua dell’artista svissero Urs Fischercon una bomboletta spray di colore rosso. In quell’occasione fu  sorpreso alle 8 del mattino da due agenti della Polizia municipale e denunciato per danneggiamento e deturpamento. In passato l’uomo ceco si denudò tra i turisti sempre in Piazza della Signoria ricavandone una denuncia per atti osceni in luogo pubblico. in un tweet il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha espresso solidarietà alla vittima: “Un uomo, non nuovo a questo tipo di gesti, ha colpito alla testa Marina Abramovic con una tela. Per fortuna lei non si è fatta niente e l’uomo è stato fermato. Solidarietà totale a Marina!”.

Fonte: Ansa/Guglielmo Pellerino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, cade dalla scala mobile in metro. Morto un 29enne studente di ingegneria

next
Articolo Successivo

Aquarius 2, Panama avvia la revoca dai registri navali. Le ong: “Ha agito su pressione del governo italiano”

next