C’era bisogno dell’ennesimo disco per confermare il suo valore? Eccome se ce n’era bisogno. Perché con Sinatra, Gue Pequeno ribadisce tutta la sua forza sbaragliando la concorrenza. Inutile girarci intorno: è il Cristiano Ronaldo del rap italiano.

Il quinto disco da solita è un album dal respiro internazionale, ottimo sia sotto il profilo sonoro che testuale. Dodici tracce – potenzialmente tutte delle hit – che seguono un percorso coerente con il personaggio di Guè Pequeno. Il rapper milanese ha messo d’accordo un po’ tutti: dai più nostalgici, con pezzi old school come Hugh Guefner e Bastardi senza gloria (strepitosa la strofa di Noyz Narcos) fino a brani fatti ad hoc per le chart di Spotify come Borsello o 2%. Merito soprattutto dei produttori perché a far la differenza in questo disco non sono tanto le rime, quanto i suoni. L’unico difetto è l’abbondanza dei featuring. Su dodici tracce solo quattro non prevedono una collaborazione e forse è un po’ troppo per un disco da solista.

Sinatra è un bel mix tra il passato che resiste e il nuovo che avanza. In mezzo c’è sempre Guè Pequeno che dimostra di saper ancora dare lezioni di rap, ma che allo stesso tempo ‘cavalca’ i suoni del momento. Da sottolineare la direzione artistica di Charlie Charles, al momento forse il produttore più influente in Italia, che ha saputo trovare il vestito giusto per il rapper milanese.

Tra le (troppe, abbiamo detto) collaborazioni, alcune sono particolarmente ben riuscite: tra tutte quella con Frah Quintale, uno dei cantautori/rapper più ascoltati nell’ultimo anno. 2% si candida a hit dell’album. Bello il sample di Oro, omaggio a Pino Mango, in Bling Bling. Tony Effe e Pyrex aggiungono invece un tocco di spontaneità e leggerezza in Claro.

Guè Pequeno è un personaggio abbastanza controverso (certo, sempre di rap italiano stiamo parlando). O lo si ama o lo si odia. Bisogna però dargli merito di una cosa: è capace di rimanere ai vertici del rap (e delle classifiche). Sinatra non è certo il suo miglior album, ma è il miglior album in questo momento per il rap italiano sommerso negli ultimi mesi da dischi scadenti e per certi versi anche deludenti. Per scalzare il CR7 dell’hip hop italiano serve di certo ben altro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

100Cellos, ho portato mia figlia a suonare con Sollima. E ho capito che il vero talento sta nella condivisione

prev
Articolo Successivo

Lady Gaga, il paragone con le Pausini di casa nostra è avvilente

next