“Il nostro mondo ha bisogno di una rivoluzione di amore! Che questa rivoluzione inizi da voi e dalle vostre famiglie! Stiamo perdendo la nostra capacità di amare” “Il vero amore è appassionato”. “L’amore vero è la vera libertà”. “Oggi abbiamo bisogno di uomini di amore”. Quale “capacità di amare”? Oggi non la si può “perdere” perché i ragazzi non sanno niente dell’amore, per questo si deve imparare ad amare. In teoria è facile dire che l’amore è passione, che l’amore è dare, che amare è donare tutto se stesso senza nulla chiedere, ma in pratica c’è subito qualcuno che vuole approfittare di te. Fare felice chi si ama non significa assecondare o esaudire sempre i desideri dell’altro, se sono comportamenti e azioni che sono contro le proprie convinzioni e principi, in questi casi si deve dire di no, se siete amati veramente, sarete capiti e il no sarà accettato senza problemi dal partner. L’Amore deve essere sempre reciproco e disinteressato. Il rispetto è fondamentale in amore.

Oggi i ragazzi, arrivati all’età di 13-14 anni, sono completamente lasciati soli, proprio nel momento in cui hanno bisogno di quelle basi minime sulla vita e sull’amore la cui conoscenza è fondamentale per poter affrontare le proprie esperienze con maggiore sicurezza e senza quelle ansie che oggi sono tanto diffuse, per questo i ragazzi non sanno come si possono affrontare i problemi sentimentali, e il mantenimento dell’ignoranza diventa una schiavitù.

Purtroppo ancora oggi spesso si sente dire che l’amore, nella sua complessità, non si può definire, non si può insegnare, vengono fatti discorsi complicati e talora incomprensibili, contraddittori o ambigui sull’amore, spesso si parla dell’amore in generale e non riferito, come si dovrebbe fare in questi casi, solo alla sessuologia. Questo è giustificato in certi ambienti come argomento di discussione tra filosofi, pedagogisti, psicologi ecc., ma i ragazzi hanno bisogno di certezze e semplicità, hanno bisogno di alcune basi sicure, comprensibili. Perché solo in terapia sessuologica viene spiegata l’importanza dell’amore in un rapporto di coppia e viene insegnato ai “pazienti” ad amare? Perché non insegnarlo anche agli adolescenti? Secondo me i ragazzi devono sapere cosa significhi amare, per poter poi essere capaci di prendere liberamente decisioni autonome e responsabili su come vivere la propria vita sentimentale.

Quando si parla di sessualità l’amore sembra scontato e se ne parla raramente, in teoria tutti lo desiderano, ma sono pochi coloro che ci credono veramente. Forse non è ben chiaro cosa si debba intendere per amore e bisognerebbe davvero insegnarlo nelle scuole. Purtroppo oggi si fa capire alle persone che al primo posto ci debba essere il loro piacere e il raggiungimento di questo condiziona poi la loro vita, ma come si può amare se si pensa prima a se stessi? Come si può poi essere amati? Invece è molto importante fare capire ai/alle ragazzi/e che, quando si parla di un rapporto di coppia, amare è fare felice chi si ama.

L’educazione all’amore dovrebbe essere obbligatoria in tutte le scuole, la “rivoluzione” può iniziare con una lezione (sono minorenni: si devono invitare anche i genitori), poi saranno gli studenti ad approfondire i vari argomenti durante tutto l’anno scolastico. Ecco il programma: Perché fare una lezione sull’Amore? Obiettivi. Definizione dell’amore. L’amore e l’autonomia dei partner. L’amore e la conoscenza reciproca/amicizia. “Voglio farti felice” e il rispetto dell’altro. Caratteristiche dell’amore. Comunicare in amore. La “cotta” e il principe azzurro. Il bisogno non è amore. L’amore a qualsiasi età. Conclusioni.

A chi lavora nelle scuole: se vi interessano materiali sull’amore e sulla prevenzione primaria delle violenze, scrivetemi su Facebook o consultate il mio sito

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Internet diffonde gli anglicismi. Ma l’inglese in Italia lo parlano ancora in pochi

prev
Articolo Successivo

Dio benedica McDonald’s. E al diavolo i vegani sovranisti

next