“Il nostro mondo ha bisogno di una rivoluzione di amore! Che questa rivoluzione inizi da voi e dalle vostre famiglie! Stiamo perdendo la nostra capacità di amare” “Il vero amore è appassionato”. “L’amore vero è la vera libertà”. “Oggi abbiamo bisogno di uomini di amore”. Quale “capacità di amare”? Oggi non la si può “perdere” perché i ragazzi non sanno niente dell’amore, per questo si deve imparare ad amare. In teoria è facile dire che l’amore è passione, che l’amore è dare, che amare è donare tutto se stesso senza nulla chiedere, ma in pratica c’è subito qualcuno che vuole approfittare di te. Fare felice chi si ama non significa assecondare o esaudire sempre i desideri dell’altro, se sono comportamenti e azioni che sono contro le proprie convinzioni e principi, in questi casi si deve dire di no, se siete amati veramente, sarete capiti e il no sarà accettato senza problemi dal partner. L’Amore deve essere sempre reciproco e disinteressato. Il rispetto è fondamentale in amore.

Oggi i ragazzi, arrivati all’età di 13-14 anni, sono completamente lasciati soli, proprio nel momento in cui hanno bisogno di quelle basi minime sulla vita e sull’amore la cui conoscenza è fondamentale per poter affrontare le proprie esperienze con maggiore sicurezza e senza quelle ansie che oggi sono tanto diffuse, per questo i ragazzi non sanno come si possono affrontare i problemi sentimentali, e il mantenimento dell’ignoranza diventa una schiavitù.

Purtroppo ancora oggi spesso si sente dire che l’amore, nella sua complessità, non si può definire, non si può insegnare, vengono fatti discorsi complicati e talora incomprensibili, contraddittori o ambigui sull’amore, spesso si parla dell’amore in generale e non riferito, come si dovrebbe fare in questi casi, solo alla sessuologia. Questo è giustificato in certi ambienti come argomento di discussione tra filosofi, pedagogisti, psicologi ecc., ma i ragazzi hanno bisogno di certezze e semplicità, hanno bisogno di alcune basi sicure, comprensibili. Perché solo in terapia sessuologica viene spiegata l’importanza dell’amore in un rapporto di coppia e viene insegnato ai “pazienti” ad amare? Perché non insegnarlo anche agli adolescenti? Secondo me i ragazzi devono sapere cosa significhi amare, per poter poi essere capaci di prendere liberamente decisioni autonome e responsabili su come vivere la propria vita sentimentale.

Quando si parla di sessualità l’amore sembra scontato e se ne parla raramente, in teoria tutti lo desiderano, ma sono pochi coloro che ci credono veramente. Forse non è ben chiaro cosa si debba intendere per amore e bisognerebbe davvero insegnarlo nelle scuole. Purtroppo oggi si fa capire alle persone che al primo posto ci debba essere il loro piacere e il raggiungimento di questo condiziona poi la loro vita, ma come si può amare se si pensa prima a se stessi? Come si può poi essere amati? Invece è molto importante fare capire ai/alle ragazzi/e che, quando si parla di un rapporto di coppia, amare è fare felice chi si ama.

L’educazione all’amore dovrebbe essere obbligatoria in tutte le scuole, la “rivoluzione” può iniziare con una lezione (sono minorenni: si devono invitare anche i genitori), poi saranno gli studenti ad approfondire i vari argomenti durante tutto l’anno scolastico. Ecco il programma: Perché fare una lezione sull’Amore? Obiettivi. Definizione dell’amore. L’amore e l’autonomia dei partner. L’amore e la conoscenza reciproca/amicizia. “Voglio farti felice” e il rispetto dell’altro. Caratteristiche dell’amore. Comunicare in amore. La “cotta” e il principe azzurro. Il bisogno non è amore. L’amore a qualsiasi età. Conclusioni.

A chi lavora nelle scuole: se vi interessano materiali sull’amore e sulla prevenzione primaria delle violenze, scrivetemi su Facebook o consultate il mio sito

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili