Il produttore degli Oscar Glen Weiss, premiato con un Emmy proprio per la sua produzione, al termine del suo discorso di ringraziamento ha sbalordito il pubblico con la sua dichiarazione rivolta alla fidanzata, presente in sala.  Dopo aver rivolto un pensiero alla madre defunta, ha iniziato il suo discorso alla futura moglie: “Non voglio che tu sia la mia fidanzata, voglio che tu sia mia moglie” boato in sala, applausi e lacrime. Il copione perfetto per una dichiarazione in stile hollywoodiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Miss Italia, Lopez scherza: “Non ho mai vinto”. Solenghi: “C’è Pupo in giuria, bisogna farci i conti”

next
Articolo Successivo

Diego Fusaro e Il nuovo ordine erotico: elogio della famiglia, attacco alla “gendercrazia”, alla femminilizzazione dell’uomo e al pansessualismo voluto dal capitale

next