“La prego di avere pazienza ancora qualche giorno”

“Se fosse per me avrei già risolto il problema di suo figlio”

“Tutto quello che facciamo lo facciamo con il cuore

“La prego di non fraintendere, non è mancanza di buona volontà

“È proprio sicura che sua figlia è tranquilla?”

Questa breve raccolta di frammenti di conversazioni alla quale potrei aggiungerne almeno una decina di pagine rappresenta un estratto di quanto accade ai genitori degli alunni disabili in questi giorni. La riapertura della scuola è infatti per gli alunni disabili spesso rinviata di 15, 20 o 40 giorni a seconda delle regioni e delle scuole. Assenza di insegnanti specializzati, ore ridotte di sostegno, difficoltà nei trasporti (pressoché azzerati a Napoli ed in altre città del meridione) e nell’assistenza scolastica rappresentano la amara sorpresa per gli oltre 260mila genitori di alunni disabili italiani.

Sarebbe interessante proprio partendo dalle raccomandazioni iniziali chiedere ai lettori di inviare le “frasi celebri” che hanno ascoltato e che ascolteranno durante quest’anno scolastico. Ovviamente, nell’attesa che il ministro dell’Istruzione e quello della Disabilità del governo M5s-Lega, prendano coscienza dei motivi della loro esistenza politica, mi permetto di allegare un immagine che raccoglie qualche suggerimento. Così dopo la coscienza potrebbe crescere anche la conoscenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piano Rom, a Roma due bambini su tre non andranno a scuola

prev
Articolo Successivo

Sla, la giornata nazionale contro la malattia. 300 volontari in 150 piazze d’Italia

next