Sei mesi senza poter usare Facebook, durante i quali dovranno leggere libri o guardare film sull’immigrazione, scrivendo anche alcune brevi considerazioni sull’argomento. E poi 200 euro di risarcimento del danno, oltre a 4 ore alla settimana di lavori sociali.

È quanto disposto dall’Ufficio esecuzioni penali esterne di Venezia nei confronti di quattro cittadini italiani, di età compresa tra 34 e 56 anni, residenti nella zona di Portogruaro, in provincia di Venezia, che in alcuni commenti sulla piattaforma social più diffusa al mondo si erano lasciati andare a frasi e commenti feroci sul tema dei richiedenti asilo. Le affermazioni, riferisce Il Messaggero Veneto, erano state ospitate nel luglio dello scorso anno sulla pagina Sei di Portogruaro se.

Nelle frasi postate un campionario di violenza e ferocia: “Bisogna aiutarli, ne ospitiamo uno in ogni casa e li laviamo con la benzina e poi li asciughiamo col lanciafiamme e tutto è risolto”, oppure “gente sporca, devono morire, se trovo uno di loro gli verso dell’acido di batterie così capiscono che non li vogliamo”, per finire con “diamo fuoco al palazzo con loro dentro”.

L’assoluta astensione da Facebook non è l’unica misura disposta: in questo periodo i quattro dovranno leggere libri o guardare film sulle tematiche dell’immigrazione, meditando e poi scrivendo alcune brevi considerazioni sull’argomento. Saltuariamente saranno convocati nell’Ufficio delle esecuzioni penali per delle verifiche. Infine pagheranno 200 euro a titolo di risarcimento del danno e svolgeranno lavori di pubblica utilità per quattro ore la settimana.

I quattro sono stati perseguiti per aver violato la legge Mancino, con l’aggravante della discriminazione razziale. Il processo rimarrà sospeso per sei mesi. Il 14 maggio 2019 i giudici convocheranno in aula gli imputati per valutarne il ravvedimento. Se dimostreranno di aver seguito le prescrizioni dell’Uepe, la loro vicenda giudiziaria si chiuderà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Denis Verdini condannato a 5 anni e mezzo per bancarotta fraudolenta de Il Giornale della Toscana

prev
Articolo Successivo

Lombardia, il ‘filtro antitangenti’ per gli appalti sanitari non basta. Bisogna educare alla legalità

next