Ha chiesto ai paesi dell’Unione di dire “sì al patriottismo, no al nazionalismo esagerato che detesta gli altri e cerca di distruggerli”. E ha aggiunto che l’Europa “deve restare un continente di apertura e tolleranza, non sarà mai una fortezza in un mondo che soffre”. Ma il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, nel suo discorso sullo stato dell’Unione all’assemblea plenaria dell’Europarlamento a Strasburgo, ha anche annunciato un rafforzamento della guardia costiera e di frontiera europea “fino a 10mila unità da qui al 2020 ed un’agenzia europea per l’asilo“. Nel giorno in cui il Parlamento è chiamato a esprimersi sulle violazioni dell’Ungheria di Orban, poi, ha rivendicato che “l’articolo 7”, ovvero l’attivazione delle sanzioni verso uno Stato membro, “va applicato laddove lo stato di diritto è in pericolo“.

“Rispettiamo meglio l’Ue, non sporchiamo la sua immagine, cerchiamo di difenderne l’immagine, diciamo sì al patriottismo, no al nazionalismo esagerato che detesta gli altri e cerca di distruggerli”, ha esordito Juncker. “L’Europa – ha aggiunto il lussemburghese – deve restare un continente di apertura e tolleranza, non sarà mai una fortezza in un mondo che soffre, non sarà mai un’isola, resterà multilaterale, il pianeta non appartiene a pochi”. Dunque Juncker se da un lato ha prefigurato un rafforzamento della guardia costiera e di frontiera europea “fino a 10mila unità da qui al 2020 ed un’agenzia europea per l’asilo“, dall’altro ha annunciato – a pochi giorni dalla notizia che la Cina presterà all’Africa altri 60 miliardi di dollari – “una nuova alleanza tra Europa e Africa per investimenti sostenibili e occupazione“. Alleanza che “contribuirebbe a creare fino a 10 milioni di posti di lavoro in Africa solo nei prossimi 5 anni”. Inoltre, ha aggiunto, occorre “trasformare i numerosi accordi commerciali tra l’Ue e l’Africa in un accordo intercontinentale di libero scambio”.

Sui migranti “i nostri sforzi hanno portato a dei risultati, con meno profughi lungo la rotta del Mediterraneo centrale“, insiste Juncker, “tuttavia gli Stati membri non hanno ancora trovato un rapporto giusto fra la responsabilità dei singoli paesi e la necessaria solidarietà, che deve essere dimostrata se vogliono mantenere lo spazio Schengen senza confini. Resto contrario alle frontiere interne, laddove sono state create, devono essere eliminate“.

Per contro, sottolinea il presidente della Commissione, “ogni volta che l’Europa parla con una sola voce riesce ad imporsi agli altri, deve agire come un fronte compatto, e noi lo abbiamo dimostrato quando abbiamo difeso l’accordo di Parigi” sul clima. Per il presidente della Commissione europea “le sfide esterne si moltiplicano, non possiamo mollare la presa per costruire un’Europa più unita e più forte. Gli allargamenti per me restano un successo, abbiamo conciliato geografia e storia, ma restano sforzi da fare”. Per esempio “dobbiamo definire in modo definitivo l’adesione dei paesi dei Balcani occidentali altrimenti gli altri si assumeranno compito di dare forma ai nostri vicini”. 

Sul discorso di Juncker interviene anche il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. Il fondatore di Forza Italia dice che si sarebbe aspettato “un discorso più ambizioso e una presa di posizione più forte. L’Europa è in grande ritardo sulla vicenda immigrazione. Ci sono delle proposte, ma tutte le istituzioni devono essere più ambiziose per risolvere i problemi dei cittadini. Il Parlamento vuole essere sempre più il cuore della democrazia, si può cominciare a riflettere per dare potere di iniziativa legislativa al Parlamento europeo. Siamo l’unico parlamento al mondo che non ha potere di iniziativa legislativa“.