Diletta Leotta si prepara a condurre l’edizione 2018 di Miss Italia ma qualche anno fa c’era anche lei tra le ragazze in corsa per il titolo di più bella d’Italia. Ma all’epoca, Diletta era stata scartata senza neanche arrivare alla finale. In un’intervista al settimanale Oggi, la giornalista volto di Dazn ha raccontato l’esperienza: “Nel 2009 non ero ancora maggiorenne. Scelsi di partecipare alle selezioni perché, come molte ragazze della mia età, pensavo che potesse trasformarsi in un trampolino di lancio, una prima occasione importante per farmi notare e dare inizio al mio percorso nel mondo del giornalismo e dello spettacolo”.

E ha poi spiegato: “La prova consisteva in una breve sfilata, accompagnata da un tappeto musicale, che avrebbe dovuto trasformarsi, nel finale, in un piccolo balletto. Non credo proprio di essere portata per la danza. All’epoca la cosa mi metteva alquanto in imbarazzo. Speravo che, recitando una poesia, mi avrebbero fatto comunque i complimenti. Le dico solo che davanti ai giudici mi misi a declamare in inglese un testo di Emily Dickinson. Diciamo che era uno strano inglese declinato alla siciliana. I giudici erano attoniti, immagino che dopo si fecero delle grasse risate. Sta di fatto che qualche ora dopo, quando ci chiamarono per dirci chi era passata e chi no, il mio numero, il 16, non venne pronunciato“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Ragazzo di Campagna, il cult con Renato Pozzetto rivive a Borgo Tre Case: ecco come

next
Articolo Successivo

Laura Pausini al concerto: “Vi criticano per ogni cosa? Rispondete così: e voi chi c… siete?”. Poi l’insegnamento ai fan

next