Aperture dei negozi nei giorni festivi? A Milano, tra le vie dello shopping e i grandi centri commerciali, vince la preoccupazione tra i commercianti, mentre tra i loro dipendenti alcuni sono favorevoli alle limitazioni annunciate da Di Maio. “La domenica lavoriamo molto”, commenta Roberta Molinatti, responsabile del marchio LuiJo, tra le vetrine più famose della Galleria, “se dovessimo chiudere dovremmo fare a meno del 15 per cento del personale, senza contare i danni che avremmo sul fatturato che sarebbero sicuramente più del 15%”. Come lei altri esercenti. Diversa la situazione fuori città, come all’Arese Shopping Center, l’ultimo grande polo dedicato allo shopping, inaugurato solo qualche mese fa. Tra i lavoratori sono specialmente i commessi e le commesse a prendere la parola sul tema: nonostante ci sia che ha bisogno di lavorare la domenica per racimolare qualche spicciolo in più, la maggior parte dei lavoratori è disposto a guadagnare un pochino di meno per passare una domenica in famiglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Droga, stroncato traffico dall’Afghanistan a Cagliari: trovata valigia imbottita di eroina

next