Doveva andare in onda nel febbraio scorso ma invece la fiction Tutto il mondo è paese, ispirata al modello di accoglienza e integrazione della cittadina di Riace e al suo sindaco Mimmo Lucano, è rimasta bloccata negli archivi di viale Mazzini. Una situazione che Beppe Fiorello ha voluto denunciare su Twitter, ricordando le continue ingerenze della politica sulla programmazione della tv pubblica: “Non è la prima volta che una mia #fiction viene bloccata, anni fa le #foibe, il governo di allora non gradì, poi la storia di #graziellacampagna, l’allora Min. della Giustizia si indignò, ora #Riace, bloccata perché narra una realtà e nessuno/a dei miei colleghi si fa sentire”, ha scritto l’attore protagonista della serie. E ha poi rincarato con un altro tweet: “Sono tanti, intellettuali, registi, scrittori, attori, attrici, giornalisti che si indignano per l’esclusione di una giurata da un talent show, pochi invece pronunciano parole di denuncia per questa vicenda che rischia di trasformarsi in censura“. I riferimenti di Fiorello sono al Cuore nel pozzo, fiction sull’eccidio delle foibe che però non subì un blocco né venne espressa un’opinione dal governo. Piuttosto le polemiche furono sollevate dalla strumentalizzazione della fiction da parte di Alleanza Nazionale e dell’allora ministro delle Telecomunicazioni Maurizio Gasparri. Le cronache di allora parlano dell’imbarazzo dei protagonisti (Leo Gullotta oltre a Fiorello) alla presentazione della fiction che avvenne senza la partecipazione delle istituzioni, ma quasi esclusivamente esponenti di An. Su Graziella Campagna, invece, l’indignazione citata da Fiorello fu dell’allora ministro della Giustizia Clemente Mastella per il film La vita rubata che il guardasigilli fece in modo di bloccare la messa in onda in attesa della sentenza di appello dei sicari della 17enne impiegata di una lavanderia a Villafranca Tirrena, in provincia di Messina.

Alle polemiche sul blocco della fiction su Mimmo Lucano replica la Rai: “Non esiste alcun blocco della messa in onda. La fiction è stata semplicemente sospesa dal palinsesto in quanto, come da tempo è noto, al sindaco Lucano è stato recapitato un avviso di garanzia da parte della Procura di Locri per alcuni presunti reati collegati alla gestione del sistema di accoglienza. Non appena la magistratura comunicherà le sue decisioni finali in merito all’indagine, il Servizio Pubblico adotterà i provvedimenti conseguenti”.

Il film diretto da Giulio Manfredonia e prodotto da Rai Fiction mette al centro della scena la figura del sindaco Mimmo Lucano, che però da alcuni mesi è stato al centro di una inchiesta da parte della Procura di Reggio Calabria per abuso d’ufficio, concussione e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Per contro Lucano è diventato un simbolo di un sistema dell’accoglienza diventato modello. Ma è la prefettura a essere stata contraddittoria nel giro di due mesi. All’inizio 2017 una relazione ha lodato il sistema della giunta Lucano, ma due mesi prima un altro rapporto aveva messo in luce presunte anomalie per le quali è poi partita l’inchiesta. Il Viminale ha quindi bloccato i fondi, non riconoscendo più al Comune i bonus e le borse lavoro. Da settimane pare imminente lo sblocco da parte del ministero, annunciato dal sindaco e smentito poi dall’Interno. “Il nostro – ribadisce oggi Lucano – è un messaggio di umanità che va preso come esempio”. Quanto all’inchiesta “quello che posso dire è che sono assolutamente rispettoso delle decisioni che saranno prese dalla magistratura. Così come rispetto le decisioni della Rai in merito alla fiction. Non riesco però a capire quale sia il collegamento tra il programma e l’esito dell’inchiesta”. “In ogni caso – conclude il sindaco – quello che viene da Riace, con la nostra esperienza di accoglienza realizzata in un paese povero e abbandonato dell’interno della Calabria che grazie ai migranti è rinato e si è risollevato dallo spopolamento, è un messaggio di umanità che può essere preso come esempio da tutti e può essere replicato in qualsiasi altra parte del mondo, se solo si ha la volontà di farlo e se si è spinti da un vero senso di altruismo e di solidarietà”.

Sostegno a Lucano arriva dal Pd. Il senatore Davide Faraone ha annunciato un’interrogazione in commissione Vigilanza Rai. “Allora io farò un casino del diavolo in vigilanza Rai e sto già presentando un’interrogazione, ma qui siamo alla follia. Come ci si può inginocchiare così di fronte al volere dei potenti? Rai paralizzata e intanto si fanno queste cazzate. Sostegno a Fiorello” si legge nel suo tweet.

Uno dei politici ad aver fatto più pressione sul blocco del film è stato proprio Maurizio Gasparri: “Le fiction fanno di fatto informazione, orientano le opinioni degli italiani e forse sarebbe meglio far passare un po’ di tempo dalle vicende reali alle celebrazioni televisive, per evitare di lodare chi non lo merita. Bloccare la fiction è doveroso“. Più volte rimandata, la fiction resta ancora senza data di messa in onda ma in suo sostegno è stata lanciata anche una petizione online, che ha già raccolto quasi 900 firme.