Porte aperte al pubblico per l’inaugurazione di Starbucks, che ha aperto il suo store più grande d’Europa a Milano. Presente, in piazza Cordusio, anche l’ex amministratore delegato dell’azienda di Seattle, Howard Schultz. All’interno, sette preparazioni diverse di caffè (ma niente Frappuccino) e colori e arredamenti che si rifanno a piazza Duomo e al Castello Sforzesco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, curiosità e diffidenza all’inaugurazione del primo Starbucks: “Lo proveremo, ma preferiamo l’espresso”

prev
Articolo Successivo

Vaticano, Scaraffia: “Nel clero pedofili e gay. Tanti si fanno preti per paura delle donne, che per la Chiesa non esistono”

next