Una simulazione elaborata in computergrafica da uno studio tedesco specializzato in elaborazioni di modelli tridimensionali, ipotizza cinque differenti scenari che potrebbero aver portato al collasso del viadotto Morandi lo scorso 14 agosto.

Il lavoro dello studio grafico, sebbene aleatorio, è stato eseguito con software di simulazione strutturale molto accurati elaborati dal corso di laurea in Scienze applicate dell’università della Finlandia. “Il modello – spiegano – è stato realizzato a partire dai disegni originali della struttura. Le informazioni di rinforzo sono state stimate in parte ricavando informazioni dalle foto del ponte distrutto e immagini satellitari dell’area. Al fine di restringere il probabile scenario di collasso, questo video include risultati di simulazione per diversi punti iniziali di rottura. Le caratteristiche dei cumuli di detriti rispetto alla realtà spesso possono fornire un’indicazione su ciò che è probabilmente accaduto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il sogno infranto di Danès, a 24 anni bruciata dai trafficanti in un campo di prigionia in Libia

prev
Articolo Successivo

Napoli, donna ferita da un proiettile vagante. Era affacciata al balcone

next