George Clooney è il “re” di Hollywood. Nonostante sia stato lontano dai cinema un paio d’anni per dedicarsi alla famiglia, il suo portafoglio non ne ha minimamente risentito. Il Paperon dè Paperoni degli attori, secondo la rivista Forbes, è proprio lui. Grazie anche alla vendita per un miliardo della sua Casamigos Tequila, l’attore ha infatti guadagnato (tasse escluse) ben 239 milioni di dollari dal 1° giugno 2017 al 1° giugno 2018, superando tutti i colleghi.

Il 57enne si aggiudica così il primo posto nella classifica annuale degli attori più pagati di Forbes, che raccoglie sia i guadagni sullo schermo che quelli provenienti da altre attività. “Se mi avessero chiesto quattro anni fa se avrei mai avuto un’azienda da un miliardo di dollari, non credo che avrei risposto di sì”, aveva detto Clooney alla Cnbc. La Casamigos è stata fondata nel 2013 dal regista insieme al marito di Cindy Crawford, Rande Gerber, e al magnate immobiliare Mike Meldman.

La medaglia d’argento, con 124 milioni di dollari, va a Dwayne ‘The Rock’ Johnson, l’ex campione di wrestling divenuto una star del grande schermo. Sul gradino più basso del podio, si fa per dire, Robert Downey Jr con 81 milioni di dollari. Ancora una volta, però, il paragone delle classifiche fra uomini e donne, nonostante le lunghe battaglie degli ultimi anni, è impietoso. Basta infatti pensare che se i primi dieci attori più pagati del mondo (chiudono la classifica dei primi dieci Chris Hemsworth, Jackie Chan, Will Smith, Akhsay Kumar, Adam Sandler, Salman Khan, Chris Evans) messi insieme hanno guadagnato in un anno 748,5 milioni di dollari, le prime dieci attrici sono rimaste ferme a 186 milioni. A capitanare la classifica delle donne, diffusa la settimana scorsa, è Scarlett Johansson, che con il suo magro stipendio si ferma a 40,5 milioni di dollari.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Danny Boyle non sarà il regista del nuovo James Bond: lascia per “divergenze creative”

next
Articolo Successivo

Nicole Kidman irriconoscibile sul set del suo nuovo film “Destroyer”

next