Dopo quelle tra il principe Harry e Meghan Markle, le nozze più attese dell’anno sono sicuramente quelle tra Chiara Ferragni e Fedez, che si celebreranno a Noto, in Sicilia, il 1 settembre. Il conto alla rovescia è già iniziato e tutti i riflettori sono puntati sulla coppia, che intanto si gode fino all’ultimo la prima estate da genitori di Leone, dividendosi tra Ibiza e la Sardegna. Tutti gli occhi sono puntati su di loro e, ai più attenti, non è certo sfuggito un particolare che contrasta un po’ con il matrimonio in grande stile che si apprestano a celebrare. A gettare un’ombra sul “The Ferragnez Show” c’è infatti il crowdfounding lanciato come lista nozze: fino ad oggi sono stati raccolti solo 3mila euro sui 50mila indicati come obiettivo minimo, donati da cinque persone.

Chiara e Fedez infatti, avevano chiesto agli invitati ai fan, di non fare regali agli sposi ma di versare il corrispondente del dono attraverso la raccolta fondi attivata su GoFundMe.com. La somma raccolta andrà poi devoluta a una causa “specifica e speciale”: “Vogliamo cogliere l’occasione di poter aiutare in concreto uno o più dei nostri fan quindi non donare a una onlus, ma donare direttamente a una causa meritevole di uno di voi”, hanno spiegato loro stessi. Una bella iniziativa che era stata annunciata con un video su Instagram subito ripreso da tutti i media.

Certo c’è ancora tempo per donare e probabilmente nelle ore immediatamente precedenti al matrimonio vedremo il conto gonfiarsi fino a raggiungere il target previsto. Per la felicità degli sposi, ma anche, ovviamente, del beneficiario ancora ignoto dell’operazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chef Rubio contro Salvini: “Perché il capretto musulmano no, ma l’agnello cristiano sì?”

next
Articolo Successivo

Asia Argento accusata di molestie, Jimmy Bennett rompe il silenzio: “Fino ad oggi ho taciuto per dolore e pudore”

next