Dopo quelle tra il principe Harry e Meghan Markle, le nozze più attese dell’anno sono sicuramente quelle tra Chiara Ferragni e Fedez, che si celebreranno a Noto, in Sicilia, il 1 settembre. Il conto alla rovescia è già iniziato e tutti i riflettori sono puntati sulla coppia, che intanto si gode fino all’ultimo la prima estate da genitori di Leone, dividendosi tra Ibiza e la Sardegna. Tutti gli occhi sono puntati su di loro e, ai più attenti, non è certo sfuggito un particolare che contrasta un po’ con il matrimonio in grande stile che si apprestano a celebrare. A gettare un’ombra sul “The Ferragnez Show” c’è infatti il crowdfounding lanciato come lista nozze: fino ad oggi sono stati raccolti solo 3mila euro sui 50mila indicati come obiettivo minimo, donati da cinque persone.

Chiara e Fedez infatti, avevano chiesto agli invitati ai fan, di non fare regali agli sposi ma di versare il corrispondente del dono attraverso la raccolta fondi attivata su GoFundMe.com. La somma raccolta andrà poi devoluta a una causa “specifica e speciale”: “Vogliamo cogliere l’occasione di poter aiutare in concreto uno o più dei nostri fan quindi non donare a una onlus, ma donare direttamente a una causa meritevole di uno di voi”, hanno spiegato loro stessi. Una bella iniziativa che era stata annunciata con un video su Instagram subito ripreso da tutti i media.

Certo c’è ancora tempo per donare e probabilmente nelle ore immediatamente precedenti al matrimonio vedremo il conto gonfiarsi fino a raggiungere il target previsto. Per la felicità degli sposi, ma anche, ovviamente, del beneficiario ancora ignoto dell’operazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chef Rubio contro Salvini: “Perché il capretto musulmano no, ma l’agnello cristiano sì?”

prev
Articolo Successivo

Asia Argento accusata di molestie, Jimmy Bennett rompe il silenzio: “Fino ad oggi ho taciuto per dolore e pudore”

next