L’amministrazione del comune di Avellino richiede personale tecnico per la verifica del “Ponte della Ferriera“. Personale, però, a titolo gratuito. Lo si legge in una lettera, firmata dal sindaco Vincenzo Ciampi, indirizzata al Genio Civile, al comando dei Vigili del Fuoco, all’ordine degli Ingegneri e a quello degli Architetti di Avellino e a quello dei Geologi della Campania e alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio. E il presidente dell’ordine degli Architetti di Avellino Erminio Petecca parla di “mortificazione della professionalità”.

L’obiettivo dell’amministrazione è creare una commissione che proceda al controllo dell’efficienza dello storico ponte. Per questo ai vari destinatari è richiesto di indicare un tecnico “che abbia maturato esperienza nel settore disponibile a far parte, a titolo gratuito, della commissione” e “nello spirito di  collaborazione che da sempre contraddistingue codesti Enti”. “La lettera è stata inviata ieri, 20 agosto”, conferma a IlFattoQuotidiano.it l’ingegner Luigi Angelo Maria Cicalese, dirigente del settore lavori pubblici al comune. Ovvero sette giorni dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova, e nove giorni dopo la riapertura dello stesso Ponte della Ferriera. Quest’ultimo, infatti, è stato riaperto solo l’11 agosto, dopo quasi un anno di lavori e controlli.

La prima risposta è arrivata dall’ordine degli Architetti di Avellino, che per mano del presidente Erminio Petecca, si dice disponibile al confronto “in termini istituzionali, per la risoluzione dei problemi della città”, ma declina l’offerta di lavoro gratuito. “Non possiamo farlo in quanto viola le regole della nostra deontologia“- si legge nella lettera di risposta – dal momento che l’ordine da anni si batte per “il riconoscimento dell’equo compenso e contro la mortificazione della personalità dell’architetto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto centro Italia, il sindaco di Amatrice a due anni dal sisma: “Ora inizia il momento peggiore”

prev
Articolo Successivo

Napoli, decine di persone senza biglietto ai varchi della stazione: “Dai, uno che lo faccia!”. E appena uno timbra…

next