Non sarebbe stato un attentato terroristico, ma di una crisi di identità sfociata nella volontà di uccidersi. È quanto afferma la ex moglie di Abdelouahab Taib, l’algerino che lunedì è stato ucciso in un commissariato vicino a Barcellona dopo aver aggredito un agente con un coltello inneggiando ad Allah. Il commissario Rafel Comes, responsabile della lotta antiterrorismo, stando agli ultimi aggiornamenti aveva parlato di attentato. Ma il legale della famiglia, David Martínez, ha spiegato a El Pais che la donna e la famiglia dell’uomo hanno intenzione di presentare un esposto contro la polizia per negligenza.

La donna, interpellata dai media spagnoli, ha sostenuto di aver scoperto di recente l’omosessualità dell’ex marito. Ed è stata proprio questa scoperta, come lei stessa ha raccontato alla polizia, la motivazione della separazione tra i due: la donna lo accusava di averla sposata solo per avere i documenti, essendo lei cittadina spagnola. In queste circostanze, il 29enne algerino avrebbe mostrato le prime “idee suicide”, ha sostenuto la donna.

Per queste ragioni, il legale ha affermato al quotidiano spagnolo di “scartare completamente l’ipotesi di terrorismo”. Secondo la famiglia dell’algerino, la reazione del poliziotto è stata esagerata rispetto al pericolo effettivamente rappresentato dall’uomo: da qui l’intenzione di denunciare il comando dei Mossos. Il giudice del Tribunale Nazionale Ismael Moreno ha aperto un procedimento investigativo per l’incidente.

Racconta ancora El Pais che la scoperta dell’omosessualità avrebbe innescato nell’uomo una crisi d’identità: l’uomo era convinto che l’orientamento sessuale sarebbe stato la causa di un allontanamento dalla religione e dalla comunità musulmana. Taib era infatti praticante, ma non era stato segnalato dalle autorità come radicalizzato. I Mossos stanno adesso indagando su una eventuale recente radicalizzazione: sul suo computer – riferisce El Mundo – sono stati ritrovati due video di propaganda di tipo jihadista. Il quotidiano riporta inoltre che, secondo alcune testimonianze, Taib prima di recarsi alla stazione di polizia, avrebbe pregato a lungo in una moschea nelle vicinanze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ahed Tamimi, ho incontrato la ragazza bionda che sfida Israele

next
Articolo Successivo

India, è il giorno del concorso “più grande del mondo”: 23 milioni di candidati per 90mila posti nelle Ferrovie dello Stato

next