“Se devo quantificare, ora guadagno sei volte meno di prima”. Alessandro è originario di Torino ed è uno dei soccorritori del team di SOS Mediterranée a bordo dell’Aquarius, in pattugliamento da ieri nella zona Sar di fronte alla Libia. Prima di questa vita ha girato il mondo e ha un’esperienza quasi decennale sulle navi: da Greenpeace al mondo dello yatching. “Ma non è comparabile: ora ho dato un senso alla vita. E salvare vite vale infinitamente di più”.

Anche Nick, 33 anni, originario di Londra ma in Francia da 15 anni, è un “uomo di mare”: “Ho lavorato per anni nell’industria del petrolio e del gas. E guadagnavo una fortuna. La gente qui non lo fa per soldi: quello che si guadagna in queste missioni basta per l’affitto e per vivere. Qui lo facciamo perché ci crediamo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, scricchiola moncone est: sospeso il recupero dei beni nelle case. L’inchiesta: Gdf in uffici provveditorato

next
Articolo Successivo

Diciotti, Toninelli: “La nave attraccherà a Catania”. Salvini: “Migranti non sbarcano senza risposte dall’Europa”

next