Le squadre dei Vigili del Fuoco stanno ”operando in massa” dopo il crollo di una parte del ponte Morandi sulla A10. ”Sono state attivate – twittano i Vigili del Fuoco – le squadre Usar e le unità cinofile”, specializzati nella ricerca di persone sotto le macerie. Una decina di uomini della sezione operativa dei vigili del fuoco di Torino, con l’ausilio dell’elicottero e della squadra cinofili dei pompieri, si stanno recando a Genova, in seguito al crollo del ponte sull’Autostrada A10. Una colonna mobile è in partenza anche da Alessandria. Allertata anche la polizia stradale, in particolare la Sottosezione di Belforte Monferrato, che ha competenza sul tratto ligure della A26 Genova-Gravellona Toce. “Sulla A10 è stata predisposta l’uscita obbligatoria a Genova Aeroporto – rende noto la stradale – Questa è la comunicazione che stiamo dando anche agli automobilisti che stanno contattando il nostro centralino, considerato che siamo alla vigilia di Ferragosto. Per quanto riguarda la nostra tratta, attualmente, non sono previste indicazioni particolari”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, il momento del crollo del ponte Morandi. Le urla delle persone: “Oddio”

next
Articolo Successivo

Genova, com’era il ponte prima del crollo: il viaggio sul cavalcavia

next