Le ascolti per sbaglio un paio di volte alla radio e subito il ritornello ti entra in testa e non te ne liberi più. Da maggio (o giugno se proprio va bene) fino a settembre. Che magari succedesse lo stesso con tutte le cose che abbiamo da ricordare. O con i libri da studiare. Tipo questo: “Cercavo un mare calmo e ho trovato te Col vento così forte, non dirmi buonanotte Soltanto per stasera Amore e capoeira Cachaça e luna piena Con me in una favela“. Impossibile leggerlo senza canticchiarlo. Ma a parte questa (che si conferma la canzone dell’estate 2018) quali sono i tormentoni più ascoltati nelle spiagge d’Italia?

Ce lo dice Spotify, che ha analizzato gli ascolti dei giovani fra i 18 e i 29 anni nelle località marittime più famose d’Italia. Dalla Sardegna alla Toscana la sfida fra le hit estive del 2018 si gioca in riva al mare, rivelando conferme e sorprese fra gli ascolti dei ragazzi nei luoghi della movida. E se Puglia e Emilia Romagna confermano “Amore e Capoeira” in testa, la Liguria si distingue: la più ballata in riviera è “Te Boté” di Nio Garcia. Titolo diverso dagli altri anche nella classifica toscana: al primo posto c’è “APESHIT” dei coniugi Beyonce e Jay-Z, ovvero The Carters. Da Olbia a Cagliari è invece “Nera” di Irama a far ballare di più i giovani.

Ma scopriamo ora nel dettaglio cosa si ascolta (e si balla) nelle principali località costiere regione per regione 

Spotify, quali sono le hit più ascoltate in spiaggia? Ecco la classifica. A sorpresa in Liguria si ascolta musica diversa

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nina Moric e Fabrizio Corona di nuovo insieme per il figlio Carlos: “La famiglia prima di tutto”

next
Articolo Successivo

Michelle Hunziker: stesso bikini e stessa posa. Dopo 20 anni l’effetto è lo stesso

next