Al decimo giorno di navigazione, Aquarius ha soccorso oltre un centinaio di persone su due differenti imbarcazioni a nord della Libia. Il primo è stato completato alle 11.50, 25 miglia a nord di Zuara. Si tratta di un barchino senza motore con 25 persone a bordo: 19 uomini e sei donne, di cui una incinta: sette del Camerun, sei della Costa d’Avorio, cinque del Bangladesh, tre persone dalla Nigeria, due dal Ghana, una dal Senegal e un’altra dal Togo. Tra loro non c’è nessun minorenne, mentre due delle donne viaggiano da sole.

Intorno alle 14 la nave operata dalle due ong SOS Mediterranèe e Medici senza Frontiere ha avvistato un’altra imbarcazione, questa volta più grande: 116 persone, 78 uomini e 38 donne. Gli adulti in questo caso sono 43, ad avere meno di 18 anni sono in 73. A bordo c’è anche un neonato, insieme a un altro bambino che non arriva a cinque anni. Il soccorso, questa volta, avviene a 24 miglia nautiche a nord di Abu Qammash.

Nel corso di entrambe le operazioni, cominciate grazie ad avvistamenti da parte del team della nave, Aquarius ha informato tutte le autorità della zona: Roma, il JMRCC (Joint Maritime Rescue Coordination Center) di Tripoli, Malta, la Tunisia e Eunavformed. Nella notte, la nave era sopraggiunta nell’area in seguito ad alcuni scambi via VHF (Very High Frequencies) tra la Guardia costiera libica, la piattaforma petrolifera Ensco e due navi di rifornimento tra cui l’Asso 28. I libici avevano chiesto informazioni in merito a quella che avevano definito “wooden boat with immigration”, un barchino in legno carico di un numero sconosciuto di persone a bordo. “L’Aquarius si è messo a disposizione e ha notificato che avrebbe effettuato – una volta arrivato in zona – l’expanding search pattern, una sorta di percorso a spirale crescente per pattugliare l’area”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sciame sismico in Friuli: scossa di 3.9 a Cavazzo Carnico (Udine). Non sono segnalati danni

next
Articolo Successivo

Migranti, le incomprensioni tra Aquarius e la Guardia costiera libica: “Mi dispiace non parliamo inglese, solo arabo”

next