Se anche voi sognate di diventare milionari grazie ai social ora è arrivato il corso di laurea giusto per voi. Il 22 ottobre comincia infatti Intelligence Influencers: Fashion & Beauty, il primo percorso di studi che formerà influencer di professione. A lanciarlo è l’Università autonoma di Madrid all’interno della Scuola di economia. Ormai affermarsi come influencer è diventato il nuovo sogno di tante ragazze, ma anche dei ragazzi: basti pensare a Mariano Di Vaio e ai suoi 6,2 milioni di follower. E saper gestire i social nel modo giusto può diventare davvero una proficua occupazione: basti pensare che la più pagata al mondo, Huda Kattan, guadagna circa 18mila dollari a post. Mentre l’italiana Chiara Ferragni si ferma a “soli” 14mila.

Il corso nasce in risposta “alla tendenza al declino del marketing tradizionale a fronte invece del forte incremento di quello nel settore social”, si legge sul sito dell’università. Si studieranno materie come psicologia della moda, comunicazione e creatività. Sarà offerta la possibilità di frequentare in streaming (ma senza diploma di laurea). Chi seguirà il corso dal vivo sarà poi “in grado di utilizzare le conoscenze acquisite per fare della sua attività da influencer l’inizio di una professione”. A chi seguirà il corso a distanza non verrà rilasciato però il diploma finale, ma un attestato di frequenza. L’obiettivo dell’Università autonoma di Madrid è creare influencer preparati e consapevoli del meccanismo del marketing sul web.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pooh, Dodi Battaglia: “Non ero d’accordo a separarci. Canzian, Facchinetti e Fogli non sono venuti neanche alla mia festa”

prev
Articolo Successivo

Nina Moric e Fabrizio Corona di nuovo insieme per il figlio Carlos: “La famiglia prima di tutto”

next