Una turista francese ha denunciato di essere stata drogata e violentata lo scorso mese di luglio da un americano in una suite di Capri. Secondo il racconto della manager di 33 anni, la violenza si è consumata nella stanza di un hotel di lusso dell’isola nel Golfo di Napoli. Una storia su cui sta facendo chiarezza la Procura che ha aperto un’inchiesta.

La francese, manager nel campo dell’alta moda, ha raccontato di essere stata prima drogata con un drink in cui erano miscelati degli stupefacenti, probabilmente la droga dello stupro, poi abusata sessualmente. La donna e una sua amica erano ospiti dell’uomo. Le due, infatti, avevano avuto dei problemi nella casa che avevano affittato sull’isola di Capri per la loro vacanza – un guasto all’aria condizionata – e avevano trovato rifugio nella stanza presa dall’americano. Che, secondo la ricostruzione della turista, è un conoscente della compagna di viaggio della vittima. Come riporta Il Mattino, l’abuso sessuale è avvenuto circa 20 giorni fa.

Nella denuncia la 33enne francese ha spiegato che il presunto violentatore, suo coetaneo, ha aspettato di essere da solo con lei nella camera dell’hotel. La violenza, infatti, si è consumata di ritorno da una festa con alcuni amici, quando l’uomo ha approfittato dell’assenza della sua amica per farle bere il cocktail di alcool e stupefacenti per renderla incosciente e poi violentarla.  La donna ha raccontato di essere sicuramente stata drogata: non era consenziente e mai lo sarebbe stata con il turista americano. Da qui, riporta la denuncia, nasce la convinzione della donna di essere stata stordita. Ma, secondo la ricostruzione del giornale napoletano, ci sono altri elementi che portano a questa conclusione. Ci sono poi le immagini di sorveglianza dell’albergo acquisite dagli investigatori nelle quali si vede con chiarezza che la donna barcollava ed era a stento in grado di camminare. La donna e l’uomo accusato di averla violentata e già identificato, entrambi ritornati nei loro Paesi d’origine, potrebbero essere ascoltati dai magistrati nei prossimi giorni.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vicenza, “protesta dei migranti per avere Sky”. Ma la Prefettura nega: “Solo un confronto sulla questione della residenza”

next
Articolo Successivo

Roma, una lite tra “saltafila” sfocia in una rissa ai Musei vaticani: 4 denunciati

next