Baby George non sa che un giorno sarà re. Il primogenito di William e Kate ha appena compiuto 5 anni e, per il momento, può ancora sognare come tutti i suoi coetanei ciò che farà “da grande”. Questo piccolo particolare della sua esistenza gli viene infatti taciuto per volere non solo dei genitori, ma soprattutto della bisnonna, sua maestà la regina Elisabetta II. A rivelarlo è stato lo stesso William in un’intervista alla Bbc, in cui ha spiegato che lui e la moglie fanno di tutto per essere una “famiglia normale” e che il piccolo George saprà di essere il terzo in linea di successione al trono solo al momento giusto: “Siamo molto normali in questo senso – ha raccontato-  arriverà il momento in cui George saprà, ma per ora la nostra priorità è crescerlo in un ambiente sicuro e stabile, e fargli sapere quanto amore può provare un padre come me”.

E Sua Maestà è d’accordo. “Alla Regina non piace che venga informato troppo presto. La sua convinzione è che i bambini sono sempre bambini e per questo dovrebbero rimanere lontano dai riflettori”, ha spiegato a People l’ex guardia del corpo di DianaKen Wharfe, “George saprà esattamente chi è, ma William e Kate vogliono assicurarsi che questo momento arrivi il più tardi possibile“. Anche lo stesso William, per esempio, ha preso parte al primo evento ufficiale solo all’età di 8 anni, al fianco di mamma Diana.

Al contrario di tutti i meme che circolano in Rete in cui Baby George “disprezza” chiunque e fa mostra del suo potere contro i vari “poracci”, in realtà George Alexander Louis non riceve ancora nessun trattamento speciale: frequenta infatti una scuola borghese, la Thomas’s School a Battersea, Londra, e si diverte a giocare con la sorella Charlotte (di cui a volte si mostra geloso) e i cuginetti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Amber Rose e il gossip vip: “Gwyneth Paltrow è stata l’amante di Jay-Z. È a lei che si riferisce Beyoncé in Sorry”

prev
Articolo Successivo

Meghan Markle, il padre Thomas torna a parlare: “Se morissi sarebbe meglio per lei”

next