Da Londra a Milano in pullman. Non è il titolo di una commedia americana ora nei cinema, ma il viaggio affrontato da un gruppo di circa trenta studenti italiani, dai 13 ai 17 anni, che si trovavano a Londra per studiare l’inglese. Perché il ritorno in pulmann quando potevano prendere un aereo? Ci hanno provato, e per ben due giorni di fila ma senza poter partire. I ragazzini sono stati bloccati giovedì 26 all’aeroporto di Stansted ma il loro volo Ryanair è stato cancellato. Gli studenti sono stati così portati in albergo e il giorno dopo di nuovo in aeroporto, dove però non sono riusciti a partire ancora una volta, dopo essere stati imbarcati e sbarcati. A quel punto, riporta il Corriere della Sera, hanno dormito proprio a Stansted perché la compagnia aerea non pagava più l’hotel. Stessa cosa sabato. Il rientro su quattro ruote è stato organizzato dalla loro scuola di Milano.

L’episodio è stato denunciato all’ANSA da Tiziano, genitore di una ragazza di 17 anni, che ha denunciato l’accaduto: “I ragazzi – ha detto – sono saliti sull’aereo giovedì scorso, verso le 18, ma dopo qualche ora sono stati fatti scendere e portati in albergo; venerdì sono di nuovo saliti verso le 18, ma dopo un paio d’ora sono ridiscesi. Sono stati costretti a stare nello scalo fino alle 6 di sabato per riavere i bagagli. Quindi verso la sera di sabato è stato comunicato che ci sarebbero voluti tempi lunghi per trovare un aereo e la scuola, che si è comportata benissimo, ha organizzato il rientro con diversi pullmini”.

Siamo sinceramente dispiaciuti per quanto successo – ha detto la compagnia aerea al Corriere della Sera – Il volo del 26 luglio è stato cancellato per questioni legate all’ handling a Stansted. Ma i fulmini che si sono abbattuti il giorno dopo hanno costretto Ryanair a cancellare diversi collegamenti, compreso quello per Malpensa”. Problemi che, aggiunge Ryanair, si aggiungono alla carenza di personale dalla torre di controllo.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emanuela Folliero: “I bulli hanno minacciato mio figlio: o fai il dito medio a tua madre o ti meniamo. Io li ho affrontati”

next
Articolo Successivo

David Silva racconta la malattia del figlio: “I mesi più complicati della mia vita”

next