Protesta dei tassisti a Barcellona. Una delle principali strade del centro è stata bloccata e lo sciopero, indetto mercoledì 25 luglio, secondo quanto sostengono gli organizzatori, andrà avanti a oltranza. Numerosi gli episodi di violenza contro gli autisti delle app Uber e Cabify, tanto che le due aziende, per evitare altri scontri, hanno deciso di sospendere il servizio (due conducenti sono finiti all’ospedale).
Centinaia di tassisti, intanto, hanno parcheggiato le proprie auto giallo-nere al centro della Gran Via e alcuni di loro hanno trascorso la notte dentro le vetture o nelle tende. A loro si sono uniti i colleghi di altre città spagnole, come Bilbao.
Lo sciopero dei tassisti è iniziato dopo che il governo spagnolo aveva presentato ricorso contro la decisione delle autorità di Barcellona di limitare il numero di licenze per veicoli privati con conducente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, “125 denunce per abusi sessuali sui bambini nei centri di raccolta degli Stati Uniti”

prev
Articolo Successivo

Siria, viaggio al termine della guerra: sette anni di distruzione raccontati dai religiosi cristiani di Damasco e Aleppo

next