Protesta dei tassisti a Barcellona. Una delle principali strade del centro è stata bloccata e lo sciopero, indetto mercoledì 25 luglio, secondo quanto sostengono gli organizzatori, andrà avanti a oltranza. Numerosi gli episodi di violenza contro gli autisti delle app Uber e Cabify, tanto che le due aziende, per evitare altri scontri, hanno deciso di sospendere il servizio (due conducenti sono finiti all’ospedale).
Centinaia di tassisti, intanto, hanno parcheggiato le proprie auto giallo-nere al centro della Gran Via e alcuni di loro hanno trascorso la notte dentro le vetture o nelle tende. A loro si sono uniti i colleghi di altre città spagnole, come Bilbao.
Lo sciopero dei tassisti è iniziato dopo che il governo spagnolo aveva presentato ricorso contro la decisione delle autorità di Barcellona di limitare il numero di licenze per veicoli privati con conducente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, “125 denunce per abusi sessuali sui bambini nei centri di raccolta degli Stati Uniti”

next
Articolo Successivo

Siria, viaggio al termine della guerra: sette anni di distruzione raccontati dai religiosi cristiani di Damasco e Aleppo

next