“Scusate, non riesco a parlare bene”. Sarà Sulla mia pelle il film d’apertura della sezione Orizzonti alla 75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, in programma dal 29 agosto all’8 settembre nella Laguna. Scritta dal regista Alessio Cremonini e dalla sceneggiatrice Lisa Nur Sultan e distribuita da Netflix, la pellicola prende spunto dall’analisi dei verbali e delle testimonianze di una tra le più complesse vicende giudiziarie degli anni 2000, ripercorrendo gli ultimi sette giorni di vita di Stefano Cucchi.

A dare voce, corpo e anima al 31enne romano deceduto il 22 ottobre 2009 durante la custodia cautelare sarà Alessandro Borghi (Suburra e Napoli Velata), mentre l’attrice Jasmine Trinca (La pazza gioia e Fortunata) interpreterà la sorella di Stefano, Ilaria Cucchi. In concomitanza con la presentazione del programma completo della kermesse veneziana, la nota piattaforma di streaming ha oggi rilasciato un teaser del film, annunciando anche che il titolo sarà disponibile per tutti gli abbonati a partite dal prossimo 12 settembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Venezia 2018, la Mostra ancora una volta fa impallidire le ultime e mediocri edizioni del Festival di Cannes

prev
Articolo Successivo

Festival di Venezia 2018, i sei film di Netflix – da Cuaron ai Coen e anche Orson Welles – che segnano l’inizio della decadenza di Cannes

next