Sono volate pesanti accuse tra il ministro per il Sud Barbara Lezzi e il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano. Al termine di un incontro convocato a Bari, per discutere del progetto del nodo ferroviario di Brindisi, tra i due è scoppiata una inaspettata lite. L’argomento, ancora una volta, il gasdotto Tap. Per la ministra Lezzi, l’appello lanciato dal governatore Emiliano ad Alessandro Di Battista a “trovare una strategia comune per spostare l’approdo del gasdotto” previsto a Melendugno, è stata una “bella sceneggiata” (la risposta di Di Battista non si è fatta aspettare).

Al termine del suo intervento il ministro Lezzi si è alzata abbandonando il tavolo, per poi fare ritorno poco dopo. Emiliano ha replicato parlando di “accuse farneticanti che hanno offeso la Regione Puglia”. Il botta e risposta, in toni piccati, proseguito a lungo, è terminato con l’esortazione di Emiliano, alla Lezzi, a dimettersi da ministro per aver continuato a parlare della volontà di bloccare la costruzione del gasdotto, nonostante il presidente della Repubblica, nei giorni scorsi in visita ufficiale in Azerbaijan, abbia confermato la realizzazione dell’opera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dl dignità. Ciocca (Lega) vs Migliore: “Lei soffre della sindrome di Calimero”. “Nero sarà lei, io sono arcobaleno”

prev
Articolo Successivo

Decreto dignità, Damiano: “Waterloo del precariato? Una bufala. Di Maio mi ha copiato, Pd dalla parte dei lavoratori”

next