Quattro mesi fa i suoi uffici erano stati perquisiti dall’Fbi su ordine Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sul Russiagate, Ma l’ex legale personale di Donald Trump, Michael Cohen, fu anche rimborsato dall’inquilino della Casa Bianca per aver pagato Stormy Daniels, la pornostar che ha rivelato di aver avuto un rapporto sessuale con il presidente. Oggi il New York Times svela che Cohen ha registrato segretamente una conversazione con il suo cliente prima delle elezioni del 2016. Conversazione nella quale i due discutono sui pagamenti a un’ex modella di Playboy che, come altre donne, affermava di avere avuto una storia col futuro presidente americano. Il Federal Bureau of Investigation avrebbe sequestrato la registrazione proprio durante la perquisizione di uno dei uffici di Cohen.

Parlando col quotidiano, Rudolph Giuliani, avvocato di Trump, ha ammesso che il tycoon discusse con Coehn nel settembre 2016 il pagamento a Karen McDougal, affermando però che quel pagamento non fu mai effettuato. Giuliani inoltre spiega come il presidente Trump non abbia mai saputo di essere stato registrato. La donna ha affermato in passato di aver avuto una lunga relazione col tycoon nel 2006, lo stesso anno del presunto affaire con la pornostar Stormy Daniels e lo stesso anno in cui l’attuale first lady Melania Trump ha dato alla luce Barron Trump. McDougal offrì la sua storia al National Enquire per 150mila dollari prima delle elezioni presidenziali, ma il tabloid scandalistico decise di pubblicarla dopo il voto. Quella sul presunto pagamento della coniglietta non sarebbe l’unica registrazione eseguita dal legale e i file sono in mano all’Fbi.

Il presidente americano finora ha sempre negato di aver mai parlato di denaro per mettere a tacere le donne con cui avrebbe avuto delle relazioni. Fonti vicine al tycoon lo descrivono come incredulo, oltre che che furioso: “Non posso credere che Michael mi abbia fatto questo…”, avrebbe detto ai suoi collaboratori riferendosi a Cohen che è attualmente indagato per violazione della legge sui finanziamenti elettorali. Il fatto che Trump possa aver mentito dicendo di non aver mai parlato di soldi né per il caso di Stormy Daniels né per quello di Karen McDougal è ora l’aspetto che più preoccupa la Casa Bianca, anche se il presidente ha sempre negato di aver avuto relazioni extraconiugali nel 2006 e 2007.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti, i libici: “Madre e bimbo erano già morti. In acqua non c’era nessun altro”. Palazzotto: “Salvini si scusi”

next
Articolo Successivo

Gaza, Hamas annuncia il cessate il fuoco con Israele: l’accordo raggiunto dopo l’intervento dell’Onu

next