Le misure prese dal governo e dal legislatore non violano i diritti dei pensionati. Con questa motivazione, la Corte europea dei diritti umani ha respinto, dichiarandolo inammissibile, il ricorso di 10.059 pensionati contro il decreto Poletti (2015) sulla perequazione delle pensioni dal 2012. La decisione dei giudici di Strasburgo è definitiva. I pensionati, rappresentati tutti dall’avvocato Pietro Frisani, avevano presentato ricorso a Strasburgo all’inizio dell’anno contro il decreto Poletti (n.65/2015) sostenendo che il provvedimento – adottato per rimediare alla bocciatura da parte della Corte Costituzionale di quanto previsto dal decreto Salva Italia del 2011 – avrebbe “prodotto un’ingerenza immediata sulle loro pensioni per il 2012 e 2013 e permanente per effetto del blocco sulle rivalutazioni successive”. Inoltre, secondo i ricorrenti, la misura “non ha perseguito l’interesse generale, è sproporzionata” e avrebbe violato il loro diritto alla proprietà.

La Corte di Strasburgo ha dato loro torto, su tutta la linea. Nella decisione d’inammissibilità i giudici sostengono che la riforma del meccanismo di perequazione delle pensioni è stata introdotta per proteggere l’interesse generale. In particolare per “proteggere il livello minimo di prestazioni sociali e garantire allo stesso tempo la tenuta del sistema sociale per le generazioni future“, e questo in un periodo “in cui la situazione economica italiana era particolarmente difficile”. In secondo luogo la Corte osserva che “gli effetti della riforma del meccanismo di perequazione sulle pensioni dei ricorrenti non sono a un livello tale da esporli a delle difficoltà di sussistenza incompatibili con quanto prescritto dalla convenzione europea dei diritti umani“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Assenze per malattia, cos’è il periodo di comporto e come funziona

prev
Articolo Successivo

Decreto dignità, no all’aumento delle indennità per licenziamenti ingiusti. Il Pd sceglie la linea Confindustria e si spacca

next