di Riccardo Mastrorillo

I vitalizi non sono stati “aboliti, l’ufficio di presidenza della Camera ha semplicemente stabilito che le regole di calcolo, definite “contributive”, introdotte già qualche anno fa, saranno applicate anche ai vitalizi pregressi. La scure sui vitalizi ha qualche profilo costituzionalmente discutibile, intacca un principio giuridico finora sempre garantito: l’irretroattività delle norme e la necessità che le riduzioni negli importi di emolumenti siano di entità ragionevole.

In questi ultimi anni vi è stata una lenta e inesorabile operazione di svilimento dell’immagine dei parlamentari e in generale della politica, una gara tra tutte le forze politiche a chi colpiva la “casta” con più decisione, l’esito, non sappiamo se voluto, rischia di essere l’indebolimento di uno dei tre poteri dello Stato.

Alcuni hanno contestato le modalità, altri la forma e non hanno partecipato al voto, ma nessun partito ha difeso l’istituto in sé. La posizione più sconcertante è stata assunta da Ettore Rosato, che rappresenta il Partito democratico nell’ufficio di Presidenza. Rosato ha criticato modi e forme, ribadendo l’incostituzionalità del provvedimento, ha proposto un emendamento e poi ha votato a favore. L’emendamento Rosato, che sarebbe stato considerato irricevibile da uno studente al primo anno di giurisprudenza, prevede che il Collegio dei deputati questori possa aumentare il vitalizio (riportandolo all’importo preesistente) “in presenza di motivate situazioni particolari, dovute a condizioni di salute, anagrafiche o socio-economiche”. Insomma condizioni così vaghe e indefinite che i questori potrebbero, paradossalmente, ripristinare il sistema preesistente per tutti.

Luigi Di Maio ha annunciato festoso che il passo successivo sarà colpire le “pensioni d’oro” e, poiché la povertà in questo Paese ci trascina verso il basso, sono considerate “d’oro” non più le pensioni oltre i cinquemila euro, bensì quelle oltre i quattromila, senza specificare se netti o lordi. Nessun provvedimento viene però annunciato contro alcuni privilegi reali: le pensioni doppie o triple, gli stipendi esorbitanti dei manager della aziende di Stato o anche di alcuni burocrati statali.

Questo accanimento verso i “vitalizi” ci è apparso più un tentativo di fomentare odio e invidia, individuando un nemico contro cui scagliarsi: “la casta dei politici del passato, che si sarebbe arricchita sulle spalle della povera gente”, un’arma di “distrazione di massa”, un simbolo che evoca la fine di un epoca. Al di là di alcuni eccessi, in parte già aboliti decine di anni fa, il principio di garantire un vecchiaia dignitosa ai rappresentanti del popolo, dovrebbe favorire l’autonomia e l’indipendenza del parlamentare. Autonomia e indipendenza già oggi notevolmente condizionate da un sistema elettorale discutibile.

Non si è potuto discutere per valutare se il vitalizio sia o meno un privilegio illegittimo e se lo sia il calcolo “retributivo” della pensione. Si poteva chiedere un intervento chiarificatore della Corte costituzionale. Se il vitalizio fosse un privilegio, andrebbe abolito anche nella forma “pensionistica” attualmente in uso; se invece non fosse un privilegio, perché non erogare una vitalizio, al compimento dei 65 anni, a tutti coloro che avessero svolto per un minimo di anni il ruolo di parlamentari, di importo uguale e adeguato allo scopo?

Quello che preoccupa non è la propaganda dei 5 stelle, comunque coerente con la loro politica, ci preoccupa l’ennesima abdicazione dalla ragione, l’arrendevolezza alla propaganda, il suicidio culturale e politico della Sinistra. Nessuno ha pensato di distinguere le prerogative dai privilegi. Del resto il fastidio verso le lungaggini e le pastoie parlamentari è diffuso a destra come a sinistra e, nella politica del carciofo, si parte dagli odiosi privilegi e si finirà con eliminare le odiose prerogative.

Nessuno fa più battaglie di principio anche se impopolari, tutti hanno abdicato alla funzione, anche maieutica del Parlamento. Rincorrere la pancia della gente, magari sobillata talvolta da un’informazione superficiale se non in malafede e da politici scaltri e bugiardi, significa la certezza di consegnare il Paese in mano a questi ultimi.

*Il testo integrale è pubblicato su questo numero 24 di “nonmollare”

Clicca qui per scaricare la rivista