Si era barricato in casa, con un fucile da caccia, dal pomeriggio. Dopo ore di trattativa, il positivo epilogo: una squadra specializzata dei carabinieri è riuscita a fare irruzione nell’abitazione, lo ha immobilizzato e disarmato.

È successo a Palo del Colle, in provincia di Bari. La zia, che conviveva col 40enne, si era rivolta al numero di emergenza sanitaria convinta che il nipote, che soffre di disturbi psichici, si fosse fatto male a una gamba. Ma lui, quando è arrivata l’ambulanza del 118, ha avuto una reazione inaspettata: ha preso l’arma, ha fatto uscire la donna e i paramedici e si è chiuso in casa.

La zona, dopo l’arrivo dei militari, è stata transennata. Il dialogo con l’uomo è durato diverse ore, tanto che due carabinieri lo avevano convinto a farsi aprire la porta. Valutata la situazione, è stato dato il via libera per l’intervento della squadra.

In un primo momento, era stata data la notizia che l’arma fosse scarica. In realtà le forze dell’ordine hanno smentito la ricostruzione, confermando che il fucile era carico e funzionante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, lo Stadio Flaminio verso la tutela della Soprintendenza: “Si riconosce il valore dell’opera. Ora il recupero”

prev
Articolo Successivo

Sindone, le macchie di sangue false? L’irritazione del Vaticano: “Nello studio non c’è nulla di scientifico”

next