Da più di un mese è in cura al Gemelli di Roma, in uno dei centri dell’eccellenza italiana contro il fenomeno della ludopatia. Mai avrebbe pensato che il “demone” dell’azzardo si impossessasse anche di lui, ma dopo aver accumulato decine di migliaia di euro di debiti ed aver perso gli affetti personali, ha deciso di affidarsi alle “mani esperte”, come le chiama lui stesso, dei medici dell’ambulatorio di psichiatria del policlinico universitario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti e donne in testa alla classifica dell’odio via Twitter: “Stranieri colpiti dal linguaggio politico dell’ultimo anno”

next
Articolo Successivo

Mi fanno tenerezza le persone che mangiano. È come vederle nude

next