Si è conclusa con quattro arresti l’operazione “Gioia Tauro a Roma“, guidata dal procuratore aggiunto della Dda Michele Prestipino. L’indagine, durata due anni, ha svelato la penetrazione della ‘ndrangheta in importanti strutture ai Castelli Romani, in particolare a Rocca di Papa. In carcere l’imprenditore Agostino Cosoleto, il figlio Francesco Teodoro Mazzaferro, ai domiciliari Maria Luppino. Le accuse sono di intestazione fittizia di beni e trasferimento fraudolento di valori in concorso, finalizzato a eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniali. Sequestrati beni, società, ditte e immobili, per un valore di circa 4 milioni di euro, tra Gioia Tauro e Rocca di Papa.

Sono almeno dieci anni che la cosca dei Molè si è spostata a Roma e provincia, ha spiegato il procuratore in conferenza stampa. Il trasferimento nella capitale della cosca di Gioia Tauro è iniziato nel 2008, quando la rottura dell’alleanza con la nota cosca dei Piromalli, aveva portato all’omicidio di Rocco Molè, a capo del clan. Da qui la decisione di investire il denaro nella provincia romana: vengono così “delocalizzate” le attività, con grossi investimenti in ristoranti ai Castelli Romani, in particolare a Rocca di Papa. Secondo quanto riporta l’Ansa, Agostino Cosoleto è legato alla cosca dei Molè dal matrimonio del figlio Francesco con la figlia di Rocco Molè. In passato la famiglia Cosoleto era stata già accusata di reati di associazione a delinquere di stampo mafioso: arrestati nel dicembre del 2009, il figlio venne assolto dal tribunale di Palmi con processo ordinario, mentre il padre, condannato in primo grado con rito abbreviato, fu assolto in appello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, dimezzata la condanna all’ex assessore regionale lombardo Domenico Zambetti

prev
Articolo Successivo

Processo Aemilia verso la sentenza, i pm nelle repliche chiedono il carcere subito in caso di condanna

next