Giornata importante al Mise per il ministro del Lavoro Luigi Di Maio e per l’Ilva di Taranto. Prima i sindacati, poi gli indiani del gruppo Mittal. Cgil, Cisl e Uil con i rispettivi segretari del comparto metalmeccanico e siderurgico entrando nella sede del Ministero attendono di sapere quale saranno le decisioni del Ministro: “Oggi tocca a lui prendersi le sue responsabilità, dicendo a Mittal che noi diremo no agli esuberi”. Dopo i sindacati, Di Maio incontrerà proprio il gruppo indiano che nell’offerta d’acquisizione del gruppo ha assicurato livelli occupazionali per 10.000 dipendenti a fronte dei 14.000 attuali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Centri per l’impiego, il problema è la governance. Due soluzioni per Di Maio

next
Articolo Successivo

Borghi: “Condividevamo con i 5 stelle la battaglia contro i voucher. Senza abusi sono strumento utile”

next