Il presidente della Camera, Roberto Fico, ha ricevuto l’ex pm Antonio Ingroia, al quale da alcune settimane è stata revocata la scorta. Lo ha spiegato lo stesso ex procuratore aggiunto di Palermo a margine della presentazione del suo nuovo libro, “Le Trattative”, scritto con il giornalista e scrittore Pietro Orsatti. Alla presentazione, ospitata dall’hotel Nazionale a Roma, sono intervenuti anche Antonio Padellaro e Vauro Senesi. Presente in sala anche Nino Di Matteo, pm del processo trattativa Stato-mafia e sostituto procuratore nazionale antimafia.

“Esco ora da un incontro con il presidente della Camera Roberto Fico, ha voluto capire la situazione e ha preso a cuore la questione della mia mancata protezione. Fico mi ha chiesto le ragioni del ritiro della mia scorta, vedremo se ci sarà un intervento. Non è una questione di sua competenza, certo, ma è pur sempre la terza carica dello Stato e auspico che la sua sensibilità sui temi mafia e lotta al crimine organizzato possano fare breccia. Dal ministero degli Interni, invece, nessuna risposta: né quando ministro era Minniti, né oggi con Salvini“, ha detto Ingroia arrivando in ritardo alla presentazione del suo libro proprio a causa dell’incontro a Montecitorio. Con tre lettere inviate al Viminale l’ex pm ha più volte denunciato di essere in una condizione di “pericolo grave e attuale” dopo che è stata decisa la revoca della scorta ritenendo fossero venute meno le ragioni di una tutela rafforzata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, la Cassazione sul denaro da confiscare dopo condanna Bossi: “Sequestrare i soldi ovunque siano”

next
Articolo Successivo

Padellaro: “Revoca della scorta a Ingroia? Modo per punire lui e chi ha lavorato al processo Trattativa”

next