Andrea Franzoso, autore del libro ‘Il disobbediente’, che denunciò la corruzione sul posto di lavoro e tra i più convinti sostenitori della legge sul whistleblowing commenta positivamente i primi dati dall’entrata in vigore della legge, alla presentazione del rapporto dell’Anac.  “Aumentano le denunce e calano le segnalazioni anonime, questo fa ben sperare, la legge è un passo avanti, ma c’è bisogno di fare ancora tanto per eliminare l’omertà. Io vado spesso nelle scuole perché è lì che può cambiare la cultura del Paese. Io sono ottimista perché incontro tanti ragazzi con sete di legalità“. E Franzoso lancia la sfida al nuovo governo sulla lotta alla corruzione: “Ora c’è un Movimento al governo che promosse questa legge che è buona sul profilo del settore pubblico, ma va rafforzato dal lato del settore privato, dove la protezione di chi denuncia è pressoché inesistente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Punta Perotti, Italia condannata dalla Corte di Strasburgo per la confisca dei terreni: “Violata proprietà privata”

next
Articolo Successivo

Vibo Valentia, non prescritto (per ora) ma rinviato al 2019 il processo per i rifiuti pericolosi interrati dove fu ucciso Sacko

next