Sul fronte delle libertà civili – che in soldoni vuol dire essere liberi di scegliere come far nascere, come vivere, come curarsi e come morire – c’è una buona notizia e una cattiva.

Quella cattiva è che anche in questa legislatura i Capi di partiti potrebbe non avere alcun interesse a occuparsi di tali questioni: che sia l’unità del partito, della coalizione o del governo, che siano i rapporti col Vaticano o le altre impellenti priorità, c’è sempre un buon motivo per stare fermi.

La buona notizia è che esiste uno strumento per sollecitare i parlamentari ad occuparsi di ciò che i partiti si scordano di considerare: è lo strumento delle leggi di iniziativa popolare. Non solo: c’è già una prima occasione per farlo, su temi come cannabis e eutanasia: l’Ufficio di presidenza della Camera dei deputati delle Commissioni Giustizia e Affari Sociali, convocato per questa settimana (il 26 giugno Affari sociali, il 27 Giustizia).

Come Associazione Luca Coscioni chiediamo l’inserimento, come primo punto all’Ordine del giorno della Commissione, delle proposte di legge di iniziativa popolare non ancora discusse nella precedente legislatura. La nostra associazione nella scorsa legislatura ha, infatti, depositato due proposte di legge di iniziativa popolare, su “Rifiuto di trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia” e su “Norme per la regolamentazione legale della produzione, consumo e commercio della cannabis e dei suoi derivati”.

Nonostante l’articolo 71 della Costituzione preveda che “il popolo esercita l’iniziativa delle leggi”, quelle proposte non sono mai state messe in discussione nemmeno in Commissione. E’ arrivato il momento di farlo: sarebbe proprio un bel… cambiamento!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, anche i Socialisti europei hanno perso i valori universali

next
Articolo Successivo

Disabili: quello che le madri non dicono per senso di colpa, io voglio gridarlo

next