Impegnato da anni nel progetto ”A nuoto nei mari del globo: per un mondo senza barriere”, Salvatore Cimmino, nuotatore disabile di Torre Annunziata (Napoli), è stato scelto dall’Associazione Luca Coscioni come simbolo 2018 delle battaglie per le libertà civili. A lui è stato attribuito il premio ”No barriere” durante il memorial Coscioni svoltosi ad Orvieto (Terni). ”Cimmino è il caparbio simbolo della battaglia alle difficoltà che affrontano ogni giorno le persone portatrici di handicap, alle assurde prese con barriere architettoniche, sociali e culturali. La sua grinta è la risposta a ogni discriminazione, affinché tutti possano beneficiare di pari diritti e opportunità”, ha detto il segretario dell’associazione Luca Coscioni, Filomena Gallo. ”Sono molto onorato del riconoscimento dedicato a una grande persona come Luca Coscioni che, con il suo insegnamento, ha dato
forza a tanti uomini – ha invece affermato Cimmino – Un motivo in più per continuare a combattere, e farlo fino in fondo. Non ho potuto presenziare alla cerimonia perché sono dovuto rimanere a fianco di mia madre, colpita da una grave malattia. E a lei dedico questo premio poiché è grazie a lei che oggi sono quello che sono”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giornata mondiale del rifugiato, a Lampedusa una mostra sulle traversate compiute dai migranti

prev
Articolo Successivo

Giornata mondiale del Rifugiato, oltre 68 milioni di persone costrette alla fuga. “Nel 53% dei casi sono minori”

next