Una delle più note scuole d’arte del mondo a Glasgow, in Scozia, situata in un edificio storico, è andata in fiamme nella notte di venerdì a sabato, quattro anni dopo essere stata già devastata da un incendio. Il fuoco non ha provocato feriti, hanno detto i pompieri. Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha detto di avere il “cuore spezzato”. “Questa è una situazione estremamente seria”, ha twittato.

Un edificio storico progettato dall’architetto Charles Rennie Mackintosh, vecchio di oltre un secolo, era pieno di fiamme impressionanti. Lo stesso edificio era già stato danneggiato da un incendio nel maggio 2014. “Il Mack è in fase di ristrutturazione dall’ultimo devastante incendio del 2014”, ha dichiarato il parlamentare di Glasgow Paul Sweeney su Twitter.

L’edificio è il “più importante dal punto di vista architettonico a Glasgow”, “non possiamo perderlo”, ha aggiunto il deputato, “devastato” dalle notizie dell’incendio. Charles Rennie Mackintosh (1868-1928) fu uno dei massimi esponenti dell’Art Nouveau, famoso per il suo gusto per edifici eleganti e mobili ad angolo retto. La Glasgow School of Arts, una delle più antiche istituzioni britanniche dedicate all’arte e al design, è stata fondata nel 1845 e ha formato importanti artisti contemporanei.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Abdurahman al-Milad, chi è il trafficante di uomini e petrolio sanzionato dall’Onu che ferma i migranti per conto dell’Italia

next
Articolo Successivo

Aquarius, al porto di Valencia la Croce Rossa è pronta all’accoglienza dei migranti. Team di psicologi e medici

next