La Marina statunitense “ha tratto in salvo dall’acqua 41 persone e conferma 12 cadaveri“. Lo scrive la ong Sea Watch sul suo profilo Twitter dando notizia di un naufragio di migranti avvenuto a 20 miglia dalle coste libiche. La nave dell’organizzazione si trova a nord di Tripoli e ha fornito assistenza all’imbarcazione Usa. Secondo Sea Watch,gli americani hanno chiesto a Roma di trasferire i sopravvissuti a bordo della loro imbarcazione. Che però li prenderebbe solo nel caso in cui l’Italia le assegnasse “un porto sicuro ragionevolmente vicino”. Da Roma non arriva nessuna risposta ufficiale, se non la la frase di Matteo Salvini: “Ribadisco che navi che battono bandiere straniere possono rivolgersi a Paesi stranieri“, è la replica del ministro dell’Interno, in linea con quanto già sostenuto per l’Aquarius.

“Questo succede, se non ci sono abbastanza risorse di salvataggio sul posto”, è il commento di Sea Watch sul naufragio. La nave della stessa ong è stata protagonista del primo sbarco di migranti avvenuto da quando Salvini è a capo del Viminale. L’arrivo di 232 migranti a Reggio Calabria è stato il preludio dello strappo tra il nuovo ministro dell’Interno e Malta che ha portato poi al braccio di ferro sulla nave Aquarius e alla decisione di “chiudere i porti italiani”. La Valletta “non può dire sempre no“, aveva commentato Salvini venerdì scorso da Como riguardo all’attracco dell’imbarcazione di Sea Watch. Di fronte al secondo arrivo ha lanciato l’ultimatum: Malta ha rifiutato nuovamente di aprire il suo porto e si è poi fatta avanti la Spagna.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pontida, il 16 giugno festa dell’orgoglio terrone: il sindaco chiude centro storico, scuole e uffici comunali

next
Articolo Successivo

Torino, scritta antisemita davanti a un barbiere nel Canavese: “Questo è un negozio ebreo”

next