Cinquanta ex consiglieri regionali del Piemonte, alcuni dei quali sono ora parlamentari come il senatore Pd Mauro Laus, hanno ricevuto tra ieri e oggi gli avvisi di garanzia e gli inviti a comparire inviati dalla procura di Torino. I sostituti procuratore Andrea Beconi e Giovanni Caspani, coordinati dal procuratore aggiunto Enrica Gabetta, li hanno indagati per peculato per aver ottenuto, secondo l’accusa, rimborsi illeciti per quasi 3,3 milioni di euro dal gennaio 2008 fino alla fine della legislatura di Mercedes Bresso (attuale europarlmentare Pd non indagata) nel 2010 e la prossima settimana cominceranno gli interrogatori.

Ad alcuni di loro sono contestate rimborsi per somme di poche migliaia di euro, mentre qualche eletto ha ottenuto rimborsi per più di centomila euro e, a volte, quasi 300mila euro nel giro di soli due anni. Tra gli indagati risultano anche i parlamentari Pd Davide Gariglio e Stefano Lepri e l’attuale vicepresidente del Consiglio regionale Angela Motta.

Si apre così una nuova “Rimborsopoli” piemontese cominciata però dieci anni fa. Il peculato si prescrive in dieci anni, ma la procura con l’invito a comparire interrompe il corso della prescrizione e ottiene ancora un margine di tempo per indagare. La documentazione sulle spese era stata acquisita dalla Guardia di finanza nel 2012, al momento della perquisizione della prima inchiesta. All’epoca, però, gli investigatori si concentrarono sulle spese più recenti, quella fatte dagli eletti durante la legislatura del leghista Roberto Cota, poi assolto. Adesso quella vicenda, dopo le poche condanne nel processo di primo grado, è approdata in Corte d’appello e la sentenza è prevista per il 24 luglio prossimo. Nel frattempo, però, i processi riguardanti altri consigli regionali sono arrivati in Cassazione. Studiando quelle sentenze, la procura di Torino intende impostare un’accusa più solida. Supera i 3 milioni e 300mila euro l’ammontare delle spese contestate fra il gennaio del 2008 e il 2010. I destinatari sono ex consiglieri di maggioranza e di opposizione.

*Aggiornato da redazione web alle ore 16.40 del 8 giugno 2018

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nissan Navara OFF-ROADER AT32, un pick-up duro e puro per ripulire le spiagge – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Vibo Valentia, il bracciante sopravvissuto: “Dopo aver colpito Sacko ha puntato il fucile contro di me”

next