Giovedì mattina a Latina è stata intitolata una piazza a Ilaria Alpi, simbolo dei tanti giornalisti morti ammazzati senza un colpevole. Questa mattina a Roma la Pm Elisabetta Ceniccola ha ribadito la richiesta di archiviazione per l’indagine sull’omicidio della stessa giornalista del Tg3 e dell’operatore Miran Hrovatin, uccisi il 20 marzo 1994 a Mogadiscio. Le nuove intercettazioni giunte dai pubblici ministeri di Firenze sarebbero quindi sostanzialmente irrilevanti e dunque non rappresentano “uno spunto solido per avviare nuovi accertamenti”.
Il giudice Andrea Fanelli si è riservato di decidere nei prossimi giorni. La conversazione intercettata consegnata a piazzale Clodio risale al 2012 e riguarda due cittadini somali residenti in Italia che parlando del caso Alpi affermano: “L’hanno uccisa gli italiani”. Un’intercettazione presente nelle carte di uno dei filoni dell’inchiesta congiunta avviata tra le procure di Firenze e Catania e che sette anni fa portò all’arresto di 55 persone, accusate di traffico di esseri umani.
Ad oggi nessuno sembra aver ammazzato i due inviati, così come nessuno ha ucciso il ricercatore Giulio Regeni o la giornalista Anna Politkovskaya.
Falsa testimonianza, depistaggi e coperture da parte di pezzi dello Stato “hanno fatto condannare innocenti, tutelato colpevoli ed impedito l’emersione della verità e fatta giustizia” è il commento del deputato Pd Walter Verini. “Questa ferita di omertà e connivenze deve essere chiusa, con nuove e serie indagini che disvelino le troppe verità nascoste”.
Luciana Alpi in una sua intervista aveva detto: “Questa vicenda non riguarda solo la nostra famiglia. Riguarda chiunque, nel nostro Paese, creda nella verità è nella giustizia. Sono anni che aspetto e spero che sentenze e giudici facciano emergere la verità, ma è tutto inutile perché dietro le quinte ci sono persone che cercano di occultare e nascondere. Non ricordo neppure le numerosi solenni promesse che ho ricevuto”.
Davanti al Tribunale di Roma i rappresentanti delle associazioni: da Articolo 21 a Rete NoBavaglio, Libera, Libera Informazione, Legambiente, Associazione Amici di Roberto Morrione e Amnesty International Italia. Il segretario generale e il presidente della FNSI, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, dell’Usigrai, Vittorio Di Trapani e ancora Ordine dei giornalisti del Lazio e Associazione Stampa Romana. Per ricordare che tutte queste verità mancate non sono solo un peso per la madre di Ilaria o di Giulio ma dell’intero Paese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, stop alle auto diesel in città da gennaio 2019: banditi tutti i veicoli fino a Euro 3, poi da ottobre anche Euro 4

next
Articolo Successivo

Migranti, primo sbarco dell’era Salvini. Lui: ‘Alcune ong volontariato, altre affari’. E attacca Malta che replica: “Accuse false”

next