Elisa Isoardi si prepara a tornare alla conduzione de La Prova del Cuoco dopo un’esperienza da ‘supplente’ (la compagna di Mattei Salvini aveva infatti già preso il posto di Antonella Clerici quando quest’ultima era incinta). “E’ un’emozione enorme, ma anche occasione per rimettermi ancora una volta in gioco. Con qualcosa di nuovo, che magari possa appartenermi di più”. Insomma, la Isoardi racconta al Mattino di voler portare qualche innovazione nel programma di RaiUno e non resta che aspettare la prossima stagione per vedere di cosa si tratta.

Intanto, la compagna del neo ministro dell’Interno si gode il momento: “Non mi sono mai arresa. Ho ricevuto tanti schiaffi ma ho sempre cercato di risolvere i problemi da sola. La gavetta è anche questo: sapersi rialzare tutte le volte, dopo una brutta caduta e guardare avanti”. E il successo, dice, non l’ha cambiata: “Sono sempre “la ragazza di montagna col tacco 12” come amo definirmi. Lo dimostra innanzitutto il mio look casual: jeans e scarpe da ginnastica. Sono una persona trasparente e si vede anche in onda. Credo che la spontaneità sia la caratteristica che mi contraddistingue. In tanti mi dicono che, a differenza di altri, nel mio caso non c’è scollamento tra la persona e il personaggio. Fuori onda o in onda sono sempre io, con tutti i miei pregi e i miei difetti. Tempo fa una signora al supermercato una signora mi ha detto: “Elisa, lo sai che, dopo tanti anni che ti seguo mi sembra quasi di conoscerti. Sei proprio come sembri in tv!””.

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa della Repubblica e televisione, quest’anno i complimenti vanno a Sky

next
Articolo Successivo

Picnic at Hanging Rock. Una gita fuori porta si tramuta in tragedia, una serie di sparizioni sconvolgerà una comunità

next