“Non disperate, abbiamo delle buone persone”. Lo ha affermato Beppe Grillo al termine della festa M5s in piazza Bocca della Verità a Roma, avvicinandosi a un gruppo di maestre che lo chiamavano da lontano e che gli hanno espresso le loro preoccupazioni: “Vogliono licenziarci, siamo in sciopero della fame da 36 ore”, sono state le loro parole. “Se non ce la facciamo noi. Sull’istruzione non si può giocare, c’è un analfabetismo che ritorna, la scuola va ripensata”, ha sottolineato Grillo prima di farsi un selfie con le maestre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Fraccaro (ministro M5s): “Delibera per taglio dei vitalizi è già sul tavolo del presidente Fico”

prev
Articolo Successivo

Governo, Maroni: “Un errore allearsi con M5S temo che prevalgano temi cari a loro e non alla Lega”

next