Poche parole che però sono una risposta chiara alle dichiarazioni del neo ministro della Famiglia Lorenzo Fontana. “Non voglio supporto, mi basterebbe smettere di sentirmi invisibile”, ha scritto Tiziano Ferro nelle storie di Instagram, replicando così alle esternazioni del ministro leghista, che al Corriere della Sera ha detto: “Le famiglie gay non esistono“. Il cantautore, che ha fatto coming out nel 2010, ha pubblicato il messaggio anche inglese e spagnolo. Dopo la risposta del cantante i portavoce del Lazio Pride, Fabrizio Marrazzo, Anna Claudia Petrillo e Richard Bourelly, in una nota hanno rilanciato “l’appello al presidente del Consiglio Conte e al vicepresidente Di Maio di procedere subito alla delega alle pari opportunità“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benedict Cumberbatch vero Sherlock Holmes, sventa rapina di una bici a un rider. E Deliveroo ringrazia: “Eroe”

next