Eroe per finzione e di fatto. Benedict Cumberbatch, 41 anni, lo Sherlock Holmes di una seguitissima serie tv, nonché interprete dei film The Imitation Game e del Dottor Strange dei fumetti Marvel, ha sventato una rapina intervenendo per difendere un impiegato di Deliveroo da quattro teppisti che gli volevano rubare la bici. È tutto avvenuto a Londra e, singolarità del caso, proprio a due passi dal 221B di Baker Street, l’indirizzo di Sherlock Holmes nella serie di romanzi di Arthur Conan Doyle. L’attore britannico, candidato all’Oscar del 2015 e osannato interprete a teatro di Amelto, si trovava a bordo di un taxi con la moglie, Sophie Hunter, quando ha visto il driver accerchiato. Uno di loro, scrivono i media britannici, gli ha pure spaccato una bottiglia in testa. Senza un attimo di esitazione, Cumberbatch è sceso dall’auto per soccorrere la vittima, un ragazzo sui vent’anni.

Intervistato dal Sun, che per primo ha riportato la notizia, sul suo gesto da eroe, l’attore ha risposto: “Non avevo scelta, dovevo intervenire”. L’autista del taxi Uber che stava portando Cumberbatch e la moglie in un club, ha detto che il ciclista di Deliveroo, è stato fortunato e ha definito Cumberbatch un “supereroe“, raccontando anche di aver riconosciuto l’attore solo quando è sceso dalla sua auto. “Io tenevo un ragazzo per un braccio e lui un altro. Sembrava sapere esattamente cosa stava facendo. È stato molto coraggioso. Hanno cercato di colpirlo, ma si è difeso e li ha respinti, non è stato ferito. Poi penso che abbiano anche riconosciuto che era proprio lui, il protagonista di Sherlock Holmes, e sono scappati”, ha proseguito raccontando anche che, dopo avergli chiesto se stava bene, l’attore ha poi abbracciato il ciclista. Il Sun non ha rivelato a quanto tempo fa risalga l’incidente, ma oggi Deliveroo ha diffuso una nota nella quale ringrazia Cumberbatch “per il suo eroico gesto“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stefano De Martino, incidente in auto sull’A1 per l’ex marito di Belen Rodriguez

prev
Articolo Successivo

Famiglie gay, Tiziano Ferro risponde a Lorenzo Fontana: “Non voglio supporto, mi basterebbe smettere di sentirmi invisibile”

next