Il Palagiustizia di Bari potrebbe crollare da un momento all’altro, da ieri è ufficialmente inagibile e, quindi, entro tre mesi lo sgombero dovrà essere completato. E i magistrati, da cinque giorni, sono finiti nella tendopoli allestita nel parcheggio del Tribunale. “Così – dicono – si svilisce l’immagine della giustizia. Mai un caso simile”. Protestano anche gli avvocati: “Sotto le tende? Come in una serra, sfioriamo i 40 gradi”. Intanto i processi rallentano – si celebrano solo quelli con detenuti – e il rischio è la paralisi totale. Per il sindaco Antonio Decaro, però, c’è anche un altro pericolo: “Restituire la città nelle mani dei 14 clan criminali attivi“. Ecco perché è stato chiesto, nel vertice di ieri pomeriggio con la Protezione Civile nazionale, lo stato di emergenza. Oggi la convocazione al Ministero della Giustizia per tentare di risolvere un problema “noto da almeno 14 anni”, mentre la Procura ha aperto un’inchiesta.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Uva, assolti in appello due carabinieri e sei poliziotti. Erano imputati per omicidio e sequestro di persona

next
Articolo Successivo

Romanina, lezioni di legalità dopo aggressione dei Casamonica: “Servono reti alternative alla malavita”

next