Se dal caos istituzionale del governo M5s-Lega saltato all’ultimo minuto esce un vincitore, quello è certamente Matteo Salvini. Almeno secondo i sondaggi: secondo i dati di Swg per il TgLa7 la Lega non solo aumenta di altri 3 punti in una settimana (un’enormità per un periodo di tempo così breve), ma ora è arrivato a contendere allo stesso Movimento Cinque Stelle il primato tra le forze politiche. I Cinquestelle, infatti, registrano la tendenza inversa, con un calo molto brusco nella stessa settimana decisiva per la formazione del governo misurata da Swg in 1,6 per cento. Così ora il M5s è al 29,5 e torna dopo parecchio tempo sotto la soglia del 30 per cento, mentre il Carroccio è al 27,5.

Un secondo elemento evidente è che la Lega pesca la gran parte dei suoi voti all’interno del centrodestra, segno che la visibilità di Salvini, il suo dinamismo per tentare di fare un governo e il pragmatismo anche a scapito degli alleati viene premiato dall’elettorato della coalizione. Ne viene che Forza Italia è all’8 per cento con un ulteriore tracollo dell’1,7 in una settimana. Ma dopo molto tempo di stabilità perdono quota anche i Fratelli d’Italia che dal 4,7 passano al 3,8 con una flessione di quasi un punto. Tra gli altri partiti si segnala Liberi e Uguali, in lievissima tendenza positiva, ma comunque sotto la quota del 3 per cento, necessaria come noto per essere rappresentati in Parlamento.

Sempre per Swg 6 intervistati su 10 reputano sbagliata la decisione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella di affidare l’incarico di un governo “di servizio” all’economista Carlo Cottarelli.

Il campione è molto diviso invece su un altro quesito, invece, ha riguardato la scelta di Mattarella di rifiutarsi di firmare la nomina di Paolo Savona a ministro dell’Economia: per il 35 per cento la scelta è stata “scorretta e ingiusta“, per il 24 per cento è stata corretta ma sbagliata nella tempistica, mentre per il 26 è stata corretta e giusta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, l’amarezza degli eletti M5s. E il sospetto sul doppio gioco della Lega

prev
Articolo Successivo

Governo, Renzi: “Con Salvini e Di Maio dovevamo essere nella Terza Repubblica. Ci stanno riportando alla terza media”

next